ZEROTTONOVE

Bioetica: incontro all’Università di Salerno

 

Bioetica, scienza a tutela della salute: il problema della sperimentazione animale; convegno mercoledì 11 giugno presso l’Aula delle Lauree di Scienze Politiche

Prendendo spunto dal prezioso parere dei nostri lettori abbiamo ridiscusso l’articolo relativo al convegno sulla sperimentazione animale e sulla bioetica che si è tenuto mercoledì 11 giugno presso l’Università di Salerno; tale nostra volontà è motivata anche dal desiderio di non trattare superficialmente un argomento così importante e di così scottante attualità.

 

Mercoledì 11 giugno, presso l’Aula delle Lauree di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Salerno, si è tenuto un incontro dal titolo: “Bioetica, scienza a tutela della salute: il problema della sperimentazione animale”.

 

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, il dott. Giuliano Grignaschi, responsabile attività “Animal Care” dell’Istituto di Ricerca Farmacologica; Teo Fasano, Responsabile del Progetto e fautore in prima persona del convegno; Virginia Zambrano, Presidente Fondazione Universitaria.

 

Al convegno si è trattato della sperimentazione animale con tutti i pro e i contro che questa pratica, tuttora, comporta: l’obiettivo del convegno è stato quello di dare una risposta positiva e propositiva a questa tematica, favorendo un primo momento di dialogo costruttivo tra le varie parti chiamate in causa.

 

Secondo Giuliano Grignaschi: “Nel momento in cui la sperimentazione animale è ancora un fatto necessario per la comunità scientifica, bisogna vigilare e mettere tutte le energie affinché gli animali possano soffrire il meno possibile. Tutti noi speriamo che quanto prima si possa mettere da parte questo sistema e rivolgersi a metodologie differenti. Oggi non è possibile sostituire la sperimentazione animale in campo bio-medico, possiamo solo migliorarla, ridurla e fare tutto secondo le normative vigenti“.

 

“Si spera di arrivare tra qualche anno a una soluzione finale – sottolinea Teo Fasano – una linea che sia condivisa da tutti; devono essere gli studenti in prima persona a indicare la strada da seguire”.

 

Infine, Virginia Zambrano, Presidente della Fondazione Universitaria si è espressa sulle finalità dell’incontro: “L’obiettivo era quello di creare un tavolo di riflessione, organizzato appositamente dalla Fondazione Universitaria, tra posizioni apparentemente irriducibili tra loro. La Fondazione ha creato questo primo evento partendo dal basso; non escludo che si possa dare vita a una pubblicazione a nome della Fondazione Universitaria che lasci traccia di questo momento di confronto interdisciplinare“.